logo Winckler’s Webzine
Le site personnel de Martin Winckler
logo

 Sommaire | Edito | In italiano | Courriers et contributions | Contraception et gynécologie | Radio et télévision | Lectures | Mes Bouquins | Les médecins, les patients, et tout ce qui s’ensuit... | WebTV | Être un(e) adulte autiste...
Recherche
A propos de Martin Winckler
-Bibliographie de Martin Winckler/Books by Martin Winckler
-" Pourquoi votre site d’informations médicales est-il gratuit ? "
-Portrait de Martin Winckler
-Pour écrire à Martin Winckler
Suite...
A propos de ce site web et de ses auteurs
-Soutenons les libraires
-L’usage de la parole - politique du « Winckler’s Webzine »
-Charte de ce site et de son contenu médical (Informations légales)
-Crédits
Suite...
In italiano >
Contraccezione e ginecologia

Traductions d’article de Martin Winckler réalisées par Matteo Coen.



Lire les textes en français.



Cancro del collo dell’utero : devo vaccinarmi/devo far vaccinare mia figlia contro il papillomavirus (HPV) ?
21 mai 2013

Questo articolo è la traduzione di "Cancer du col de l’utérus : dois-je me faire vacciner ou faire vacciner ma fille contre le papillomavirus (HPV) ?"

La versione in italiano è lievemente differente rispetto alla versione francese del 2008 per le nuove voci bibliografiche (per info/chiarimenti : scrivere al traduttore)

Per le lettrici preoccupate
 :

- il cancro del collo dell’utero (detto anche cancro della cervice uterina ; collo e cervice sono sinonimi) ed i papilloma virus (HPV) sono molto frequenti ma molto spesso benigni.

- solo poche infezioni sostenute da HPV sono capaci di determinare lo sviluppo di un cancro.

- non bisogna dimenticare che a partire dai primi rapporti sessuali tutti incontrano i papillomavirus ! (… senza contare, poi, che questi virus possono trasmettersi anche per semplice contatto cutaneo).

- dopo il contatto con il virus, le lesioni precancerose del collo dell’utero ci mettono dai 5 ai 12 anni per svilupparsi. (Una lesione precancerosa è un’alterazione che -col tempo- può trasformarsi in cancro, ma non è un “ancora” un cancro ; N.d.T.).

- Se ci si sottopone allo striscio vaginale/PAP test in maniera sistematica (ogni 2-3 anni fra i 25 e i 65 anni) lo sviluppo di un cancro del collo dell’utero può essere prevenuto !

- I vaccini ora disponibili proteggono contro un numero molto limitato di virus (4 su 100) !

- Il vaccino non protegge dal cancro, ma solo contro certi virus che potrebbero essere responsabili dello sviluppo di un cancro.

- Gli effetti secondari a lungo termine dei vaccini non sono noti.

- Anche se fanno il vaccino, tutte le donne fra i 25 e i 65 anni –vaccinate o no !- devono sottoporsi a uno striscio vaginale/PAP test di “depistaggio” ogni 2-3 anni.

Conclusioni :

- le donne possono farsi vaccinare contro alcuni tipi di papillomavirus, se lo vogliono.

- non è una vaccinazione indispensabile. Per prevenire il cancro del collo dell’utero (=fare una diagnosi precoce) è sufficiente sottoporsi allo striscio vaginale/PAP test.

- dal momento che : 1. la vaccinazione non è indispensabile, 2. non è sufficiente a prevenire il cancro dell’utero, 3. gli effetti secondari a lungo termine non sono noti, abbiamo tutto il diritto di chiederci se questa vaccinazione sia così necessaria e desiderabile.

Importante : non vaccinarsi e/o non far vaccinare le proprie figlie non è pericoloso e non è un’attitudine incosciente

Se volete saperne di più su : -cancro del collo dell’utero, -striscio vaginale/PAP test, -papillomavirus (HPV) e vaccinazione, leggete quanto segue.

 suite

 
Contraccezione : come l’ignoranza dei medici e il mercato farmaceutico mettono in pericolo le donne… e come sfuggire a tutto questo !
DI MARTIN WINCKLER (DR MARC ZAFFRAN), tradotto da Matteo Coen - 13 février 2013

Il drammatico incidente accaduto Marion Larat (leggi qui) e di cui i media francesi ultimamente hanno parlato molto, è in realtà un incidente che minaccia le donne da più di 30 anni.
L’articolo che segue vuole fare il punto della situazione, mettendo in discussione non solo il marketing dell’industria farmaceutica ma anche la competenza dei medici.
Per far capire le mie intenzioni, cominciamo con la storia di una catastrofe contraccettiva accaduta nel 1977.

Quell’anno avevo vent’anni, studiavo medicina e frequentavo, come studente "esterno" il servizio di psichiatria. Ho avuto a che fare con molti pazienti, ma in particolare mi sono occupato di una donna sulla trentina.... anzi, l’ho ascoltata, perchè come studente non potevo "davvero" occuparmi dei pazienti. Ecco la sua storia :

 suite

 
NIENTE PANICO !!!
Prendo una pillola di terza o quarta generazione… cosa devo fare ? Smettere ? Continuare ?
DI MARTIN WINCKLER (DR MARC ZAFFRAN) (tradotto da Matteo Coen) - 3 février 2013

Dunque… state prendendo una pillola contraccettiva e siete un po’ preoccupate. Capisco.

Questo articolo riassume quello che dovete sapere e cosa dovete fare in pratica (continuare a prenderla o no ?) se state prendendo una pillola di terza o quarta generazione. Potrete riuscire a capire quel che sta accadendo senza dover leggere una quantità di articoli…

Per prima cosa, non bisogna diabolizzare TUTTE le pillole contraccettive, nonostante il casino che c’è in questo momento sulle pillole di terza e quarta generazione. Non bisogna neppure rendere le cose complicate, facendo dei discorsi da specialisti. Il punto è questo : troppi medici si sono comportati in maniera molto “disinvolta” ed hanno dimenticato che alcune pillole (per l’appunto quelle di 3° e 4° generazione) non andrebbero mai prescritte come primo metodo contraccettivo. Perché, in questo caso, il rischio di avere un incidente vascolare trombo-embolico (la formazione di un trombo, cioè un coagulo, in una vena o un’arteria, o una flebite, o un’embolia polmonare, o un ictus) diventa elevato.

Detto questo, prima di precipitarvi da medico ricordatevi che :

1° il rischio di un incidente vascolare esiste con TUTTE le pillole, ma in ogni modo è inferiore al rischio vascolare che si corre durante una gravidanza. Certo, non è la stessa cosa (nella gravidanza il rischio è calcolato), ma con questo voglio ricordarvi che il rischio è basso…

2° le donne più a rischio sono quelle :

- che prendono una pillola di 3° o 4° generazione come prima pillola contraccettivo E la stanno prendendo prendono da meno di 2 anni, o

- che hanno più di 35 anni e/o fumano

Ecco quello che c’è da fare (in termini semplici e chiari). FATE PASSARE L’INFORMAZIONE !!!

NB : Le raccomandazioni qui di seguito valgono anche per le donne che portano l’anello vaginale (Nuvaring) e il cerotto (Evra), perché contengono gli stessi farmaci delle pillole di 3° generazione.

 suite

 
Posso rimanere incinta anche se prendo la pillola (ma senza averla dimenticata) ?
DI MARTIN WINCKLER (DR MARC ZAFFRAN) - Tradotto da Matteo Coen - 24 octobre 2012

È una domanda che mi viene fatta spesso. Anche se la risposta la potete trovare in molti articoli che sono già su questo sito, provo a rispondere qui in maniera un po’ diversa.

La risposta, in ogni caso, è : « Sì. Può succedere ». Spesso -purtroppo- succede perché siete state INFORMATE MALE da parte del medico e/o vi è stato prescritta una pillola scorretta e/o dei farmaci che riducono l’efficacia anticoncezionale della pillola.
In questo articolo descrivo diversi errori che possono portare al fallimento della contraccezione con pillola (dovuti a prescrizioni mediche scorrette).
Tutte le donne che usano la pillola come metodo contraccettivo, e tutti i medici, dovrebbero esserne al corrente.

Certo, capita spesso che la contraccezione "fallisca" perché si dimentica la pillola...
Non bisogna però dimenticare che un certo numero di "fallimenti" dipendono da una pillola "presa male" o sospesa al momento sbagliato (spesso dietro c’è un medico che ha informato male o prescritto male). Se non si sa come funziona la pillola (è molto semplice, in realtà) e come fa a impedire la gravidanza, è molto difficile fare attenzione a tutte quelle circostanze che ne possono compromettere l’efficacia !

Il punto nevralgico è questo : molti medici non hanno la benché minima idea di come funziona la pillola. A volte, poi, hanno in testa delle idee così arzigogolate che proprio non riescono a spiegare il funzionamento di una cosa che in realtà è così semplice !
Il risultato, in ogni caso, è che non riescono a comprendere come e perchè non abbia funzionato.
La cosa ancora più grave è che, se non sanno come funziona, rischiano di prescriverla in maniera scorretta (e poi ci credo che funziona male !)
Ogni medico è responsabile dei farmaci che prescrive e delle sue conseguenze... Il minimo che possa fare, dunque, è conoscere ciò che prescrive !!!

 suite

 
JPEG - 16.6 ko

Tutto ciò che una donna deve sapere per mettere la spirale
DI MARTIN WINCKLER (TRADOTTO ed ADATTATO da MATTEO COEN) - 27 août 2012

Questo articolo è la traduzione di :

Tout ce que les femmes doivent savoir pour

se faire poser un DIU (" stérilet ")

Molte donne, via mail o di persona, mi dicono : « Mi piacerebbe farmi mettere il dispositivo intra-uterino (IUD, “intra-uterine device”, comunemente detto “spirale”) ma il mio medico si rifiuta perché non ho mai avuto figli. »

Molti medici, francesi o italiani, rifiutano di mettere uno IUD alle donne che glielo chiedono e propongono in alternativa dei metodi contraccettivi meno efficaci. Questo atteggiamento è inaccettabile ! Tanto più che in un recente articolo scientifico viene affermato chiaramente che le gravidanze indesiderate sono venti volte meno frequenti nelle donne che portano uno IUD rispetto a coloro che prendono la pillola !!!

L’uso dello IUD nella donna che non ha mai avuto figli (“nullipara”) è ormai mondialmente accettato (anche se il vostro ginecologo potrebbe NON essere d’accordo...) ! Si veda ad esempio il documento dell’organizzazione mondiale della sanità (OMS/WHO) del 2004 (World Health Organization, Medical Eligibility Criteria for Contraceptive Use, Third Edition, World Health Organization, 2004) in cui si afferma che : “in linea di massima questo metodo (scil. lo IUD) può essere utilizzato anche dalle nullipare” (il documento, tradotto in italiano a cura della SMIC -società medica italiana per la contraccezione- lo potete scaricare cliccando qui).

Qui invece potere scaricare il Bollettino della Società Italiana della Contraccezione (I quadrimestre 2009) (S.I.C.) in cui, nel paragrafo “Dispositivi contraccettivi intrauterini : un aggiornamento”, si afferma : “...non è più controindicato l’inserimento dello IUD nelle nullipare, questo può essere solo un poco più difficoltoso dato le caratteristiche del collo (scil. uterino)”

Informazioni utili, ad esempio l’elenco delle controindicazioni alla posa di uno IUD, le trovate anche sul sito dell’AGITE

Per chi sa il francese :
qui potere trovare le raccomandazioni ufficiali dell’HAS
del Dicembre 2004
.

Insomma, non ho inventato proprio nulla !!!
Queste informazioni si possono trovare nei siti internazionali dedicati alla contraccezione (peraltro un argomento di grande interesse per i medici dei paesi in via di sviluppo).

Eccovi dunque tutto quello che dovete sapere se siete interessate a questo tipo di contraccezione.

MW.

 suite

 
Il DIU (dispositivo intra-uterino, cioè la “spirale”) e l’impianto sono i metodi contraccettivi di gran lunga più efficaci !!!
DI MARC ZAFFRAN/MARTIN WINCKLER (TRADOTTO DA MATTEO COEN) - 2 juin 2012

Non è certo una sorpresa per i lettori e le lettrici di questo sito : tanto i medici, quanto le utilizzatrici, tendono a sovrastimare i metodi contraccettivi. Un articolo pubblicato da poco su una delle più importanti riviste mediche anglosassoni, il New England Journal of Medicine (NEJM), non fa che ribadire questo concetto.

 suite

 
STEREOTIPI
Non tutte le donne che partoriscono urlano
di Marc Zaffran/Martin Winckler - 17 mars 2012

Uno stereotipo iper-usato tanto al cinema che in televisione è quello della donna che urla durante il parto. Si tratta di uno stereotipo, non di una realtà sistematica. Chi ha assistito a molti parti (e, nel mio caso, anche alla nascita dei miei 6 figli) lo sa : le donne non sono tutte identiche, e tutti i parti sono differenti. Molte donne sono così concentrate sulle contrazioni e sul fatto di spingere al momento giusto che non emettono neanche un suono. Solo dei grandi sospiri quando riprendono fiato.

Si sente spesso dire che il primo parto sia il più difficile, e a volte è vero, ma non sempre. Capita spesso che le donne che hanno molti figli facciano, ad ogni parto, figli più grossi (soprattutto se si tratta di figli maschi). Questo non rende il parto più semplice, ma non è neanche detto che faccia urlare...

 suite

 
Sì ! La pillola si può prendere senza fare il periodo di sospensione
Articolo del 22 Aprile 2006 - 20 décembre 2011

Chi ha inventato la pillola pensava che la si dovesse prendere in maniera continuativa e senza interruzioni. Così facendo le mestruazioni NON venivano ogni mese. Dopo 40 dalla nascita di questo metodo contraccettivo siamo proprio sicuri che sia indispensabile sospendere la pillola per una settimana al mese ? La risposta è NO e i motivi non mancano.

 suite

 
BUONO A SAPERSI !
Contraccezione d’urgenza : due metodi molto efficaci
Articolo del 19 Aprile 2005 (Tradotto il 3 Agosto 2010) - 9 août 2010

In qualsiasi momento della vita si può avere un rapporto sessuale non protetto. Può capitare da adolescenti, per mancanza di esperienza, quando si comincia a vivere la sessualità. Può accadere, però, anche da adulti, in maniera imprevedibile, per dimenticanza, per errore o se qualcosa va storto con il metodo contraccettivo. La contraccezione d’urgenza permette di rimediare agli errori di questo tipo. Ecco descritti due metodi efficaci.

 suite

 
Sono o non sono incinta ?
Articolo del 20 Agosto 2006 (Tradotto il 2 Agosto 2010) - 2 août 2010

Fra le tante domande che mi vengono fatte, una delle più frequenti è questa : « Sono incinta ? ». E anche : « Rischio di essere incinta ? »

Penso sia chiaro che io a queste domande non so rispondere : sono un medico, non un indovino ! Posso darvi però delle informazioni e degli strumenti per permettervi di trovare una risposta.

Ve li presento (in sintesi) in questo articolo.
Con questi elementi dovreste vederci più chiaro...

 suite

 

Les autres articles : 1-10 | 11-15

RSS - Plan du site  - Site conçu avec SPIP  - Espace Privé